La svalutazione dello yen

Le ultime settimane del 2012 sul forex si stanno caratterizzando non tanto per il recupero dell’euro quanto per la svalutazione generalizzata dello yen giapponese. La divisa nipponica sta subendo pesanti vendite ormai da metà settembre scorso, ma da metà novembre c’è stata una brusca accelerazione della fase di deprezzamento dello yen in vista delle elezioni politiche del 16 dicembre. Alle elezioni ha trionfato il leader nazionalista del partito del liberaldemocratici, Shinzo Abe, che ha intenzione di portare avanti la lotta contro la forza dello yen.

Il nuovo premier ha dichiarato a più riprese di voler svalutare lo yen per favorire la ripresa dell’export e dell’economia giapponese, ma anche combattere duramente la deflazione che attanaglia il paese del Sol Levante ormai da troppo tempo. Abe vuole mantenere i tassi di interesse allo 0% per molto tempo, o addirittura portarli su valori negativi se necessario.

Il neo-premier ha poi intenzione di stringere una forte collaborazione con la Bank of Japan, allo scopo di pianificare massicci pacchetti di stimolo fiscale e potenziare il programma di quantitative easing. Il prossimo obiettivo sarà poi quello di alzare il target di inflazione al 2% dall’attuale 1%. Sul forex il trend ribassista dello yen potrebbe durare a lungo, nonostante la pesante svalutazione avvenuta negli ultimi 2-3 mesi.

Il tasso di cambio dollaro/yen è salito sui massimi da ottobre 2010 a 85,86, mentre il cambio euro/yen è volato sui livelli più alti da agosto 2011 a 114 circa. Non si ferma nemmeno la corsa al rialzo di sterlina/yen, sui massimi da aprile 2011 a 139 circa. Per i prossimi mesi gli analisti finanziari stimano ancora forti discese dello yen, nonostante nel breve periodo sembra molto probabile un rimbalzo tecnico.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Filed in: News, News Economiche, News Forex Tags: ,

Leave a Reply

Submit Comment

© 3566 Top Forex 24. All rights reserved. XHTML / CSS Valid.
Proudly designed by Theme Junkie.
AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO